DOWNLOAD CURRICULUM VITAE

Ciao a tutti! Sono Daniela Vannini, sono nata a Castel San Pietro Terme il 18 dicembre 1981. Ho frequentato il Liceo Scientifico e nel 2000 mi sono iscritta ad Ingegneria delle Telecomunicazioni all’Università di Bologna.
Questi sono stati gli anni (ben 7!) dedicati alla mia grande passione, l’atletica: 800 m e 1500 m in particolare, ma anche 400 m, 3000 m e campestri. Ho preparato la mia tesi di laurea in un’azienda, leader mondiale delle telecomunicazioni, per la quale ho studiato l’ottimizzazione delle prestazioni della rete UMTS per il Nord-Est Italia e mi sono laureata con lode nel luglio del 2005.

Inizialmente mi sono occupata di incubazione di nuove imprese ad alta innovazione e, durante questi 16 mesi, ho avuto la straordinaria occasione di andare in Israele a visitare i principali centri di ricerca ed incubatori d’impresa. Da gennaio del 2007 lavoro presso una multinazionale, leader mondiale nel settore del segnalamento ferroviario, dove sono responsabile della struttura di pianificazione.

Il mio impegno in politica

Se penso alla politica, le prime immagini che mi affiorano alla mente sono i ricordi dei telegiornali e delle trasmissioni politiche che, già da bambina, guardavo con i miei genitori, le discussioni a tavola e a scuola, l’autogestione del 1998, la delusione per il fallimento del referendum sulla fecondazione assistita.

Ho ancora in mente il giorno in cui per la prima volta mi recai in una sezione di partito, quella in via del Battiferro. Era il 22 dicembre del 2005 e andai ad un’iniziativa di Incontriamoci della Fabbrica del Programma.

Nei mesi successivi decisi di impegnarmi come volontaria nella campagna elettorale per l’Ulivo e per Romano Prodi. In quell’occasione ho scoperto l’orgoglio di riconoscermi in un progetto politico che affonda le sue radici in quei valori che ho sempre respirato in famiglia: la solidarietà, la giustizia sociale, l’attenzione verso gli altri, l’idea di comunità.

Nonostante tutti mi dicessero di lasciar perdere perché le cose non sarebbero mai cambiate io sono sempre stata convinta che, con l’impegno e la partecipazione di persone libere e coraggiose, avremmo potuto dar vita ad una buona politica e così da quel momento in poi l’impegno è cresciuto e le battaglie, per un paese più giusto, si sono susseguite.

Ho creduto fin dall’inizio nel progetto dell’Associazione per il Partito Democratico contribuendo alla sua nascita e coordinando le attività a livello provinciale e regionale. Nel 2007 mi sono dedicata alla campagna referendaria per un nuovo e più moderno sistema elettorale e, soprattutto, alla costruzione del PD, lavorando nei comitati promotori di Bologna e dell’Emilia-Romagna.

Alle Primarie del 2007 sono stata eletta nell’Assemblea Regionale del PD e ho partecipato alla stesura dello Statuto; da quel momento e fino al Giugno 2010 ho presieduto l’Assemblea Provinciale del Partito Democratico di Bologna.

Nel 2009 sono stata eletta nel Consiglio Provinciale di Bologna e, da Marzo 2011 fino a fine legislatura ho ricoperto il ruolo di vicecapogruppo del PD e di vicepresidente della I commissione consiliare (Affari Istituzionali).

Dal 12 Giugno 2010 fino al congresso 2013 sono stata responsabile diritti e migranti del PD di Bologna e, con questo incarico, ho organizzato al Parco Nord – insieme ad Antonio Mumolo – la I Festa Nazionale dei Diritti del PD.

Adesso è strano leggere così, in elenco, tutte quello che ho realizzato in questi anni. E’ strano perché ognuno di questi progetti è stato una vera e propria sfida che ho affrontato sempre con la convinzione che la buona amministrazione si basi su competenza e studio, sulla voglia e il coraggio di lottare per un cambiamento vero, sulla libertà che viene dall’avere un lavoro autonomo dalla politica e sulla capacità di ascoltare le persone e di rappresentare le loro voci.

Per questo motivo di queste esperienze conservo un ricordo indelebile, perché per me fanno parte di un percorso condiviso che in ogni occasione mi ha portata ad affermare con forza i miei ideali e valori e quelli di coloro che mi hanno accompagnata e sostenuta lungo tutto questo meraviglioso cammino.